Exponential Organizations

toronto.jpg

L’unica costante del mondo attuale è la progressione esponenziale del cambiamento. Si assiste a un’esplosione dello sviluppo scientifico, tecnologico a livelli di innovazione mai conosciuti in passato e chi pensa che quello che abbiamo visto sin qui sia stata solo una veloce accelerata avrà modo di ricredersi.

L’impatto profondo e dirompente di questo ritmo sulla vita delle persone e delle aziende ha delle implicazioni di carattere economico, sociale, politico sempre più evidenti.

Prendiamo ad esempio le grandi aziende: negli ultimi 60 anni è scomparso quasi il 90% delle Top 500 di Fortune e nei prossimi 10 anni scomparirà un ulteriore 40%. Sino al 2000 la vita media delle aziende Top 500 di S&P giungeva sino a 67 anni ed oggi è scesa a 15.

Consideriamo le PMI o le attività commerciali per scoprire che il 75% di queste non giunge a festeggiare il quinto anno di vita, una tendenza che riflette in modo simile quella delle aziende più grandi.

Nessuna impresa commerciale, governativa, no-profit nella sua attuale configurazione è capace reggere il passo col ritmo del progresso a meno che non adotti un nuovo modello organizzativo.

Le realtà incapaci di adattarsi e reagire al cambiamento, soccombono cedendo il posto ad un nuovo tipo di azienda. È un trend consolidato che abbiamo davanti agli occhi e di cui non fatichiamo a cogliere quotidianamente le conseguenze nella società.

Perché i soliti problemi non si risolvono più come si è sempre fatto, ma richiedono nuove soluzioni, nuovi metodi, nuovi strumenti, nuovi modelli organizzativi. 
ExO_industria4.jpeg

Le organizzazioni attuali (dalle aziende fino alle istituzioni) sono costruite per un mondo lineare con strutture gerarchiche, centralizzate, chiuse, top-down, fondato sulla proprietà e sulla scarsità di persone, risorse, beni, piattaforme. Un modello organizzativo che risale a cento anni fa, un’epoca di economie di scala, di stabilità relativa e di prevedibilità.

Le organizzazioni in grado di competere, crescere e prosperare nel contesto attuale invece sono quelle che adottano il modello delle Exponential Organizations (ExO) costruito per un mondo più aperto e trasparente basato sull’abbondanza di dati, di tecnologie, di piattaforme, di informazioni, che rende obsoleto e irrilevante quello fondato sulla scarsità. Sono le organizzazioni esponenziali. 

Quelle che hanno una crescita, dei risultati e un impatto sul mercato dieci volte superiori alla concorrenza in quanto fanno leva sulle tecnologie in accelerazione esponenziale della quarta rivoluzione industriale.

  • Realtà aumentata
  • Robotica
  • Cloud
  • Big data
  • Stampa 3D
  • IoT
  • Intelligenza Artificiale
  • Energia sostenibile
  • Cryptocurrency
  • Nanotecnologie
  • ...

Per capirci, se faccio dieci passi lineari per spostarmi da un punto a un altro di una stanza posso facilmente prevedere il percorso che farò, ma se calcolo dieci passi seguendo una progressione esponenziale, sarà molto difficile prevedere il mio percorso dato che a partire già dal settimo passo avrò percorso una distanza di poco inferiore a quella che separa la Terra da Nettuno (4,3 miliardi di chilometri).

Un esempio che aiuta a capire come i modelli lineari e predittivi del passato siano inadeguati a interpretare o governare il percorso di crescita esponenziale del mondo e come le aziende che adottano il modello organizzativo delle ExO siano le uniche in grado di avvantaggiarsi in questo contesto irreversibile.

 Dal mio profilo  Instagram

Dal mio profilo Instagram

Credito immagine titolo: Pixabay (Vista notturna di Toronto)
powered by Typeform