Industria grafica

JDF InFormato

Logo Ufficiale JDF InFormato

Obiettivo: Informare per aiutare a capire il JDF, a valutare il JDF, a scegliere o investire nel JDF. Perché: Malgrado il JDF esista da 10 anni, il livello di diffusione nel settore non risponde alle legittime aspettative iniziali. E’ mancato l’interesse? Non c’è stata sufficiente informazione? Contesto: Anche attraverso questa pagina l’intenzione è fornire un’informazione qualificata sulle tematiche relative al JDF (business case, tecnologie, prodotti) e stimolare un’attiva partecipazione collaborativa delle aziende in seno al CIP4 per contribuire allo sviluppo del JDF. Target: Aziende nel settore dell’industria grafica, della stampa, dei servizi, i fornitori di soluzioni software, di macchinari, le scuole tecniche, gli istituti di formazione professionale. Profili interessati: Imprenditori, dirigenti, responsabili d’azienda, insegnanti, studenti. Tre buoni motivi per partecipare (per gli imprenditori): 1) scoprire e capire il JDF ed i suoi vantaggi; 2) ascoltare storie di successo per capire il corretto approccio all’implementazione del JDF; 3) raccogliere gli elementi utili per valutare la fattibilità di un progetto e avvicinarsi alle numerose attività del CIP4. Tre buoni motivi per partecipare (per gli studenti). 1) conoscere da vicino il JDF ed i suoi vantaggi; 2) scoprire gli elementi necessari in un progetto di automazione dei processi con il JDF; 3) imparare un nuovo approccio nelle strategie di innovazione tecnologica.

Nasce il JDF InFormato

E' nata la pagina Facebook "JDF InFormato" per aiutare gli attori del mercato italiano a scoprire, a conoscere ed a capire meglio i vantaggi del Job Definition Format. Inoltre ho aperto una nuova pagina su questo blog dedicata all'argomento: JDF InFormato. Malgrado il ROI medio di un progetto JDF sia del 277%, che il break-even sia raggiunto ad appena 4 mesi dall’installazione, il JDF ha una diffusione globale assai modesta rispetto alle sue - ancora inesplorate - potenzialità. Come spiegare questo fenomeno? Da una prima osservazione si rileva che l’assenza di informazione o di interesse sull’argomento da parte degli imprenditori, che la mancanza di interesse generale da parte di molti operatori (fornitori e stampa specializzata), ha pesato non poco e continua a incidere sulle prospettive di crescita e diffusione di questa tecnologia. Attraverso le attività di questo gruppo cercheremo di: 1) scoprire che l’automazione dei processi attraverso il JDF è una questione di business, non tecnica; 2) ascoltare storie di successo e confrontarsi con i protagonisti di queste storie; 3) raccogliere gli elementi utili per approfondire la conoscenza e valutare la fattibilità di un progetto di automazione dei processi con il JDF. Seguiteci: sarà un percorso utile e interessante per tutti. La vostra partecipazione attiva sarà la chiave del successo di questa iniziativa.

Il Futuro della Carta: è appena iniziato

Una riflessione sull'argomento del futuro della carta stampata e più in generale di quello delle arti grafiche che prende spunto da due elementi: il video REPAP dal contenuto a dir poco "RIVOLUZIONARIO" e da uno dei post più letti del blog nel il 2011. Personalmente non nutro dubbi sul fatto che continueremo a utilizzare la carta per stampare in offset, in digitale, in rotativa, contenuti di ogni tipo, dati variabili, imballaggi, etichette, agende, calendari, volantini, materiale pubblicitario, commerciale: insomma tutto quello che stampiamo oggi. Penso però che prima della scomparsa della carta (derivata dalla polpa di cellulosa ... guarda il video) assisteremo - purtroppo - alla scomparsa delle aziende che oggi faticano a identificare la strategia per puntare al rilancio e che per questo motivo sono paralizzate dal terrore di sbagliare. Decidere di non decidere è un errore che si somma ad altri errori. Ricordo una bella frase nella Spe Salvi, in cui il Pontefice afferma: “La libertà presuppone che nelle decisioni fondamentali di ogni uomo, ci sia sempre un nuovo inizio.” FORZA, perché dopo questa crisi troveremo ciò che abbiamo saputo costruire oggi. CORAGGIO, perché le crisi non capitano mai per caso e ci aiutano a trovare una verità da decifrare per ridisegnare la realtà migliorandola. Forza e coraggio dunque!


Altri post sull’argomento:

Quando il traguardo diventa una rampa di lancio

Sono felice di poter condividere questa notizia riguardo al raggiungimento di un ulteriore obiettivo che mi ero prefissato: ottenere la certificazione del JDF. Il mese scorso infatti ho superato l'esame ufficiale di certificazione del JDF e sono diventato il JDF Certified Expert numero 64 nel mondo. Nel diploma ricevuto, il logo del International Digital Enterprise Alliance (IDEAlliance) sovrasta il testo sottostante che attesta: Luca Leonardini riceve il "Certificate of Expertise" in quanto ha superato con successo il programma ufficiale di formazione JDF Expert Certificate condotto dal CIP4 e da International Prepress Association (IPA). Come per tutti gli obiettivi che raggiungo, anche questa certificazione diventa un punto di partenza per nuove sfide dal quale avvierò nuovi e interessanti percorsi di sviluppo professionale. Oltre a svolgere attività di consulenza diretta sia nelle aziende grafiche che in quelle fornitrici di sistemi e macchinari ed a svolgere attività di insegnamento diretto, il mio impegno è di contribuire attivamente attraverso le future attività dell'Istituto Internazionale per l'Integrazione dei processi di prestampa, stampa e post-stampa (Cooperation for the Integration of Processes in Prepress, Press, and Postpress Organization - CIP4) ad ampliare la diffusione del JDF nel mercato italiano. I beneficiari di queste attività sono due: le aziende che adotteranno il JDF e i loro Clienti diretti.

Innovazione nel business delle Arti Grafiche

Una proposta innovativa per affrontare una sfida decisiva.

Come agevolare il percorso di trasformazione di un'industria grafica da entità produttiva e altamente tecnologicizzata, in un business moderno capace di fronteggiare le nuove sfide dei mercati globali? Si tratta di un processo di change management che si articola in due fasi principali:

  1. Nella prima fase si mira a massimizzare l'efficacia, la stabilità e la qualità di tutti i processi (business e produzione), ricorrendo dove possibile e necessario alla loro automazione tramite sistemi e soluzioni informatiche. Di quali strumenti dovremo avvalerci in questa prima fase? Dello sviluppo di progetti Lean Six Sigma e dell'integrazione di un sistema basato sulla tecnologia JDF.
  2. Nella seconda fase, ci si preoccupa di comunicare attraverso un'adeguata strategia di web marketing quanto realizzato e soprattutto quanto resta ancora da realizzare: la parte più complessa del processo di change management. La trasformazione del business da azienda di produzione e servizi, ad un'azienda di servizi ad elevato valore aggiunto in cui la gestione dei contenuti digitali riveste un ruolo strategico di grande rilevanza.

In sintesi, una volta assicurata la stabilità, la velocità e la flessibilità dei processi dell'industria grafica, la produzione libererà delle risorse che avranno così l'opportunità di sviluppare nuove competenze e professionalità in un'area strategica (quella dei servizi ad elevato valore aggiunto), che agevola la crescita dell'azienda e quella individuale. Altri articoli pubblicati in precedenza su questo argomento: